Comprare un compressore in una ferramenta a Torino

Se state cercando un compressore ad aria dovete tenere presente alcuni parametri fondamentali, e ovviamente recarvi in una ferramenta a Torino, per comprendere quale sia il dispositivo più adatto alle vostre esigenze. Perciò capiamo qual è il compressore migliore se dovete gonfiare pneumatici, sturare un tubo, inchiodare o verniciare.

I parametri per la scelta del compressore

Come stavamo dicendo ci sono determinati parametri che dobbiamo tenere presente quando decidiamo di comprare un compressore. Naturalmente dovrete essere voi a valutare in base all’uso che dovete farne. In ogni caso se non siete sicuri è sempre meglio affidarsi a specialisti del settore o ad una ferramenta a Torino. Un esempio è la Ferramenta Bertolino, dove troverete personale preparato e pronto a consigliarvi durante la scelta del compressore. Quindi ecco i parametri importanti per la scelta del compressore:

  • Potenza del motore – La potenza è uno dei parametri fondamentali nella scelta di un compressore poiché essa determina la velocità di compressione dell’aria e la forza con cui viene spinta fuori
  • Motore ed alimentazione – Il motore del compressore può essere elettrico o a scoppio. Il primo è alimentato a corrente ma nei modelli più piccoli e compatti, anche a batteria o persino con l’accendisigari dell’auto.Naturalmente questi ultimi sono quelli più adatti ad un utilizzo occasionale, non certo ad un impiego industriale e prolungato. Il compressore con motore a scoppio è invece perfetto per un utilizzo professionale, poiché non necessita di essere alimentato da un cavo e il suo raggio d’azione è molto più ampio
  • Serbatoio – Il compressore non è dotato di serbatoio è adatto a svolgere lavori piccoli che richiedono poca aria e poco tempo, come gonfiare gli pneumatici di una bicicletta o di un automobile. I serbatoi, invece, servono ad accumulare più aria possibile che viene erogata ad alta pressione e velocità
  • Pressione – Si tratta di un elemento molto importante. Più alta è la pressione e più è forte il getto di aria. Per i lavori lunghi e pesanti è necessaria una pressione elevata; viceversa per lavoretti leggeri
  • Capienza – La capienza è quella del serbatoio ed indica la quantità di litri di aria espulsa in rapporto al tempo
  • Portabilità – si possono distinguere compressori portatili, piccoli e compatti, o compressori fissi, dotati talvolta di ruote e maniglie per essere spostati da una parte all’altra
  • Rumorosità – I compressori ad utilizzo professionale sono molto rumorosi e, anche per questo, non dovrebbero essere impiegati al di fuori dell’officina

Alcune tipologie di compressore

In base a questi parametri importanti, possiamo classificare tre diverse tipologie di compressori. Ovviamente se vi recate in una ferramenta a Torino potrete trovare il compressore più adatto alle vostre esigenze. Ma vediamone alcuni:

Compressori per il bricolage

Con questo utensile potrete gonfiare pneumatici, soffiare sporcizia e polvere, lavare e verniciare solo agganciando gli appositi accessori. E’ perfetto per un utilizzo hobbistico anche se non è provvisto di serbatoio o ne ha uno di ridotte dimensioni. In ogni caso questo tipo di compressore non deve superare i 30 kg, ma soprattutto le dimensioni devono essere contenute per una facile riposizione dell’utensile.

Compressore professionale

Se le vostre necessità sono legate al vostro mestiere allora dovete puntare su un compressore professionale. Questo tipo di utensile è acquistabile solo in una ferramenta specializzata a Torino. Assicuratevi che sia in grado di resistere a ingenti carichi di lavoro. La praticità del suo utilizzo è un requisito fondamentale.

Compressore portatile

Il compressore portatile, come quello per bricolge, è privo di serbatoio oppure ne ha uno molto esiguo. Pertanto viene impiegato soprattutto nei piccoli lavori domestici. Questo tipo di compressore è leggerissimo, comodo da riporre e altrettanto agevole da trasportare.